Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


volta pubblicato questo bel documento dal ch. ab. Pietro Bettio Bibliotecario della Marciana nelle sue illustrazioni alla Lettera intorno al Palazzo Ducale di Francesco Sansovino ec. Ven. 1829, in 8, c. 42.

VIII.

MCCCLXXXI · ADI II · DE AVRLIL · QVI E SEPELI MISIER FRA ZOTO DE LI ABATI DI FLORENCIA EL QVAL FO FONDADOR PRIMO E GOVERNADOR DE QVESTO MONESTIER DE L ORDENE DE SANCTO ANTONIO DE VIENA · CVIVS ANIMA REQVIESCAT IN PAXE · PREGA P · EVM · AMEN ·

Leggesi tra le Iscrizioni Veneziane illustrate da Eman. Cicogna (T. 1. c. 185), il quale osserva che quel Fra Zoto, di cui si fa in essa menzione, vi è così scritto in vernacolo in luogo di Fra Giotto, e che fu un frate Giotto degli Abati di nobilissima famiglia fiorentina, la quale è eziandio nota per quel Bocca degli Abati ricordato da Dante nel Capo XXXII dell’Inferno.

IX.

MCCCCVIII · DIE VLT · DE ZVGNO FO COMENZADO QVESTE CAXE SOTO MISIER DON ANDREA ABADO DE PONPOXA GASTOLDO SIER ZANE DE CONTERIS.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/17&oldid=65186"