Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


A NV CONCEDVDA · A TVTI VERAMENTE PENTIDI E CONFESSI LI QVAL ANDERA IN LA FESTA DE LA NATIVITADE · E DE LA CIRCONCISION · DE LA EPIPHANIA · DE LA RESVRECION · DEL CORPO DE CRISTO · ECIAMDIO • LE QVATRO PRINCIPAL FESTE DE LA BIADA VERGENE MARIA ET DE LO DITO SEN NICOILO · E LA DITA CHAPELLA VISITERA DEVOTAMENTE · E PER SOSTENTACION DE LI PVOVERI PRISONIERI DETEGNVDI · IN LE GHARCERE DE LO DITO PALAZO · DE LI BENI CHE DIO LI A DADI PIETOXE HELEMVOSENE ELI DARA · VN ANNO · E QVARANTA DI · DE LE INZVNTE PENETENCIE PER ZASCADVNA DE OVESTE FESTE · LI DI LI QVALI LA DITA CHAPELA ELLI VISITERA · ET HELEMVOSENA ELI DARA SICHOME DITO MISERICHORDIEVOLEMENTE MO LASEMO: DADO IN VIGON VII IDI DE MAZO L ANNO PRIMO DE LO NOSTRO PONTIFICHADO : AMEN.

Nella loggia del Palazzo Ducale, tra la Scala d'oro e la Scala de' Censori, incastrata nella muraglia, leggesi quest'Iscrizione scolpita in caratteri gotici, e con simbolo di ceppi pure scolpitivi al di sotto. Un tempo quivi erano le pubbliche prigioni chiamate Toresele innanzi alle quali passando trovavasi l'Oratorio di S. Nicolò, per cui Urbano V., creato Papa l'anno 1362, nel primo anno del suo pontificato concesse i privilegi indicati nella medesima. Venne per la prima

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/16&oldid=65185"