Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/149

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


scritti da un Canonico di Milano don Giuseppe Candido Agudio, il quale in un Capitolo della stessa Raccolta annuncia che:

    In versi veneziani la mia parte
Ho già fatta per quel caro animale,
Cui per gran pregio di natura e d'arte
Non fu, non è, non sarà mai l'eguale ec.

Uno di questi Sonetti merita d'essere qui riportato, e tanto più volentieri quanto che per colpa dello stampatore milanese era in bisogno di qualche tenue emendazione.

    Chi no pianze sto gramo Gatesin
Ch'el giera sì spassoso e amoroseto,
Del nostro Balestrier zogia e dileto,
4Bisogna ch'el sia un can, ladro, sassin.
    Seben morto anca mo su quel tolin
El par ch'el diga: Caro Menegheto
Làssete dar un baso, o bocoleto,
8E far una carezza col zampin.
    Varda, Morte crudel, cossa ti ha fato!
No ghe giera altri da schizzarghe el naso
11Se no sto galantomo de sto Gato?
    Ma stassela qua tuta; gh'è de pì.
El so Paron, pensando al fatal caso,
14Xe deventà pì mato assae de mi.


Pochi anni dopo che si è pubblicata la suddetta Raccolta di Lagrime in morte d'un Gatto, venne quella di Lagrime in

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/149&oldid=65183"