Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/181

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



  Assiduo ai fatti soi, quel che nol giera
Ecco ridotto un presuntuoso, un mato,
A abbandonar la splendida carriera,
18Ch'el voleva calcar da letterato:
 
  Gh'è de poderlo far la so maniera,
Ma ghe vol altri lumi e un altro stato,
E chi xe come questo un pretendente,
22Tegna ste glorie e sto casetto a mente.