Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/136

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DI LODOVICO PASTÒ




1Essendo un dì al passegio in compagnia
     Un conte, un avocato e un zogelier,
     El conte salta su: Corpo de dia!
     Son sempre al can co tuto el gran mio aver
     L'avocato sogiunze: Vita mia,
     Semo compagni; e sì mi go un mestier
     Da tesorar; e dise el terzo ancora:
     Più che vadagno più vago in malora.

2Cossa che sia sta roba po nol so:
     Ma qua gh'è sconto certo qualche intrigo,
     Più che laoro manco mi ghe n'ò,
     Go manco bezzi più che me sfadigo;
     Saveu mo, puti, cossa che farò?
     Quel che m'à consegià un bon amigo:
     Me portarò doman da fra Vidal,
     Che per consegi no se dà l'ugual.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/136&oldid=67277"