Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/135

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DI CARLO GOLDONI


De maridarme m'è saltà el caprizio,
     Go diversi partii, ma vòi pensar:
     Una vechia faria da vomitar,
     4La zovene sarìa senza giudizio,

La bela piaseria a Sempronio, a Tizio,
     E co la bruta no me vòi tacar,
     Pretenderà una rica comandar,
     8Me manda la pitoca in precipizio.

La nobile sarà superba e altiera,
     Asena l'ordinaria e l'ignorante,
     11E la dona sapiente una braghiera.

Donca chi ogio da tor tra quele tante
     Che proposte me vien? Questa è la vera:
     14Vòi mandarle in malora tute quante.