Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/132

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     Gh'è sta un arciprete
Da tuti adorà
Che ne la so caneva
Per meterse in quiete
I Padri più celebri
L'aveva logà.

     Vedevi ogni arnaso
Col so boletin,
Quel gera Tomaso,
Quel altro Agostin;
Ma el capo più bon
San Paulo in canton.

     Ne gh'entra la favola,
La xe verità.
A mi sto Teologo,
A mi l'à tocà.
Amici, ridè
Pancrazio, imparè.


L’aneddoto non è scherzo ma pazzia verissima d’un Paroco Bolognese conosciuto personalmente dall’autore.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/132&oldid=67269"