Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/123

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DI PIETRO BURATTI




La Campagna


     Felice l'omo (à dito Orazio un zorno)
Che stimando la quiete un gran tesoro
3De la cità no ghe ne importa un corno!
     E su l'esempio de l'età de l'oro,
De arar lu stesso in vila un podereto
6Nol crede sconveniente al so decoro!
     Va tuto ben; ma quel levar dal leto
Prima che sponta el dì, quel andar drio
9Come un vero paesan al so careto;
     Quel tosarghe a le piegore el da drio,
Quel secarse a tegnirghe l'ochio suso
12Co stufe de magnar le core al rio;
     Quel brustolarse al sol de lugio el muso,
L'è un certo godi (cossa distu, Ancilo?)
15Che andar no pol tra chi ga bezzi in uso.