Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/117

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ghe diseva una dona al so moroso
Che gera inamorà, ma no fogoso:
„No, no ti è quelo che ti geri un dì.
E lu: sì, Nana, son l'istesso, sì. —
5— No che no ti è l'istesso;
Ma per cossa più spesso
No me vienstu a trovar?
Assae più s'à da amar.“
     Ma lu no replicava
10E la candela intanto smocolava:
Nana diseva: „Ascolta,
Mo via badime, caro,
Ma cossa fastu? Fazzo un po più chiaro.
     E tanto l'à mocà,
15Che a la fin la candela l'à stuà:
„Za lo vedeva, à dito la so bela,
Sior sempio, che stuevi la candela:
— Sì cara, come vu fè de sto cuor,
Che per farlo più ardente
20Stuzzegherè sin che stuerè l'amor.