Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/64

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 32 —

Che ghò un pecato vecio,
     Voi ’ndarghelo a contar. —
— Cara sorela mia
     Disìmelo su a mi. —
— Sì, sì, fratelo mio,
     Ò maziato mio marì. —


94.*1


Visto ò la luna a comparir col sole,

     Visto ò la madre con le due filiuole.
Una la gavea nome Romanela,
     E l'altra l'era nome Ciara-Stela.
La Romanela la s'à maridato,
     La Ciara-Stela in t'el mare l'à trato.
.   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .
     I pescatori che andasea pescando
Jà pesca suzo d'una schiavonzela.
     Passa el marito dela Romanela:
Marito— Quanto volìo de quela schiavonzela? -
     Pescatori — Zento ducati a voi perchè l'è bela,
E altretanti perche l'è verginela. —
     Marito — Andemo a casa dala Romanela;
Romanela, trate a lo balcone,
     Che t'ò menato d'una schiavonzela. —
Romanella— No l'ì miga menà per mi servire.
     Ma l'avarì menà per vu gradire,
Marito— No l'o o miga mena per mi gradire; —
     Ma l'o o inveze mena per vu servire. —
Romanella— Ascolta, schiavonzela, el mestier tuo,
     Prendi la cuna, scominzia a cunare. —
Chiara-Stella— Cuno el butino de la Romanela,
     Che l'e el nevodo de Ciara-Stela. —
Romanella— O schiavenzela, canta un' antra volta,

     Che in t'el cantar te soni me sorela. —
  1. La villica nativa di Azzago nella Vallepantena che mi recitò questa canzone ebbe cura di avvertirmi che avevala appresa molti anni addietro nella parte bassa della nostra provincia, e che narra un fatto verissimo di due sorelle innamorate di un solo uomo, onde la più cattiva e fiera di esse tentò di annegare l'altra che venne tratta ancor viva dall'acqua da alcuni pescatori.