Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/61

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 29 —

— Ai, ai, parche me dèu?. —
     — Te t'è lassà basar. —
Susana trasse in leto,
     Fà finta de star mal.
— Mandè a ciamar el medico,
     Ch' el vegna a medicar. —
Quando fu giunto el medico
     Susana stà più mal.
— Mandè a ciamar el prete,
     Ch'el vegna a confessar. —
Quando fu giunto el prete
     Susana stà più mal.
— Mandè dal fiol del Conte
     Ch'al vegna a consolar. —
Quando fu giunto el Conte
     Susana no stà più mal.
Susana l'è una mata,
     Che tuto el mondo el sà.
.   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .
— Che ghe metenti nome?. —
     — Francesco, Franceschin. —
— De cossa l'ài vestito?. —
     — De verde, verdesin. —
— Cossa gh'ài insegnà a fare?. —
     — Sonar el violin. —
.   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .
Gente de là passava:
     — Di ci è quel sangue là?. —
— L'è sangue de Susana
     Ch'è morta inamorà. — 1

  1. Se pregio distinto della vera poesia gli è quello di pingere e far pensare oltre quanto ella dica, non esito a ritenere che la presente il possegga in eminentissimo grado. Dopo di averci descritta in Susanna una di quelle inesperte campagnole che si lasciano troppo facilmente adescare dai vezzi ingannatori di qualche scioperato signore; dopo averla castigata sentenziandola matta, ed avere accennata la conseguenza terribile della sua leggerezza; col tocco rapidissimo onde la canzone si chiude viene a riabilitarla col martirio sofferto. Allora il lettore dimentica tutto per piangere unicamente la sorte infelice della fanciulla tradita che moriva di amore.