Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/49

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 17 —
60.


Tu sei de là del mar, no te m'intendi,
     Vieni de quà che tu m'intenderai;
     Tu m'ài rubato el cuor, no me lo rendi,
     Cagna, ’sassina, no ’l credeva mai;
     Cagna, ’sassina, e cagna traditora,
     Tu m'ài rubato el cuor, bisogn' che mora;
     Vûtu che mora? moriro anca adesso,
     Fame fa sepoltura nel tuo leto,
     Co la tua testa fame un cuscinèlo,
     Co la tua boca dame un basin belo.1


61.*


— Su par sti monti ghè le ciare case2
     E ghè 'na giovenina che me piaze; —
     — Se la ti piace fala dimandare,
     Scarpète bianche la farem' portare;
     Scarpète bianche e l'abitin de lana,
     Tuti dirà: che bela Veneziana,
     Scarpète bianche e l'abitin de seda,
     Tuti dirà: che bela Veronesa. —


62.*


Nela cassêta te ghe pari bona,
     E mi de fora a dirte la corona:
     Nela cassêta te ghe se' dipenta,
     E mi de fora co la boca intenta;
     E te ghe se' dipenta e de penelo,
     E mi de fora con Nanèto belo.3




  1. Giuseppe Tigri al N. 399, pag. 410, della sucitata raccolta à il seguente che principia come il nostro, ma termina, se non m'inganno, in maniera di molto meno affettuosa e gentile:
    Tu sei di là dal mare, e non m'intendi:
    Passa di qua, e tu m' intenderai.
    Tu m'hai rubato il core e non lo rendi:
    Va a confessarti e me lo renderai.
    Va a confessarti e confessati bene,
    Chè la roba degli altri non si tiene:
    Va a confessarti, e confessati giusto,
    Chè la roba degli altri non fa frutto.
  2. Ciare case: rade, sparse.
  3. Sfido qualunque a ritrarre con maggior verità la esultanza crudele, e la spietata ironia di una donna che, a fianco dell'amante, contempla già composta dentro la bara la rivale infelice.