Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/48

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 16 —
58.


Tute le bele se marida st'ano,
     Mi che son bruta l'andarà a n'altr'ano;
     Tute le bele ghà bruto moroso,
     Mi che son bruta l'è belo e grazioso;
     Tute le bele ghà bruto parlare,
     Mi che son bruta fazzo inamorare.


59.


L'è tanto tempo che no dormo in leto,
     Dormo su la tô porta, anima mia;
     Su la to porta mi m'ò fato el leto,
     Vèrzeme, vita mia, che son Togneto;
     Su la tô porta ghè 'na dura prea,1.
     Vutu che dorma? fame compagnia;
     Su la tô porta ghè d'un duro sasso,
     Vutu che dorma? pòrteme un stramasso.





                             Prima de tuto un'andatura bela,

    Larga de spale e streta in centurela;
    Prima de tuto de un bel cao de drezze,
    E quele se ciama le sete belezze.
    Sete belezze deve aver la dona,
    Prima che bèla si façia chiamare;
    Alta da tèra sènza la pianèla;
    Presta e legiadra nel suo caminare;
    Bianca de late sènza lavadura;
    Rossa de ròsa sènza farsi bela;
    Coi òci mòri e con le bionde drezze;
    Questa e la dòna de sète belezze.
    Più perfetto di tutti è poi quello del Tigri nell'Opera citata al N. 157, pag. 47,:
    Sette bellezze vuole aver la donna,
    Prima che bella si possa chiamare:
    Alta dev'esser senza la pianella,
    E bianca e rossa senza su' lisciare:
    Larga di spalla, stretta in centurella:
    La bella bocca, e il bel nobil parlare.
    Se poi si tira su le bionde trecce,
    Decco la donna di sette bellezze.

  1. Prèa: pietra.