Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 8 —
33.


El me moroso el fâ el molinaro,1
     Siben l'è picolino el me sà caro;
     L'è molinaro e el fa ’na bel'arte,
     L'è baronzèlo e zugador da carte.


34.*


L'amor del vedovelo è un amor cruda,
     E l'è confà la foglia rebatuda:2
     La foglia rebatuda no ghà grano,
     L'amor del vedovel no ghè guadagno.


35.


O Dio del cielo che pena è la mia,
     Aver la lingua e no poder parlare:
     Essar da 'rente3 a la morosa mia,
     Vederla e no poderla saludare4




  1. Molinaro: mugnajo.
  2. Necessità di rima fece adoperare rebatuda invece che rebutàda come sarìa stato proprio. Rebutar significa rigermogliare, rinfrondire, ripullulare, rifiorire e simili. Confà: come.
  3. Arente, vicino, dappresso, rasente.
  4. Giuseppe Tigri nella copiosa ed accurata sua raccolta di Canti popolari toscani (Firenze, Barbèra, Bianchi e C., 1856.) al N. 125, pag. 38, porta fra i rispetti il seguente la cui prima parte è uguale in tutto alla vilòta Veronese.
    O Dio del cielo, che pena è la mia,
    Aver la lingua e non poter parlare!
    Passo davanti alia ragazza mia,
    La veggo, e non la posso salutare!
    E la saluto con la mente e il core,
    Giacchè la lingua mia parlar non puole;
    La saluto col core e colla mente,
    Giacchè la lingua mia non puol dir niente.