Pagina:Rime pescatorie.djvu/67

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Dio mio, fio mio, che m'ha fatto fà
     Pre Antuonio bochassin Pievan de sta contrà,
     Prieghè Dio per lu, che l'è sepelio quà
     Cancelirr de Castello, Calonego honorà.

Vorave di, e si vorave tase,
     Per no esser tegnuo da frapaor,
     Quà son metuo sier Comelo pase,
     Che xe sta de bontae, e de hanor,
     Ch'il cognosceva, agnun si che despiase;
     Perche lo giera antigo pescaor,
     Fo in le arte valente, e bon Christian;
     Onde missier san Piero i daga man.

Coccolin in sto luogo è sepelio,
     Morto da do frezzae suso'l Lio;
     E per la so fierezza troppo granda,
     El fo strapassao de banda in banda.

Lo arecomando à Dio, con dolci canti,
     Le Sante che stà in cielo, con li Santi;
     E puo chi lezzerà quà, tutti quanti
     Traga de li suspiri, e anche pianti;
     Perche sto morto, che xe messo in olto,
     Fo de li primi, che vene in Riolto.

Chi leze quà, considera ben tutto,
     A che muodo se muor miseramente,
     Cho è stao custù, che xe in st'arca presente,
     Allegreto Galdin, tragando un rutto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/67&oldid=56102"