Pagina:Rime pescatorie.djvu/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


30Ni buto mai le ree, che del continuo.
No m'arecorda de la to bellezza,
Digando al nome de culiè, che amo,
Piu che m'instesso, dolce mio reposso;
E quando vedo el pesce che ho piao,
35I von asomeiando alle to gratie;
Digando almanco fustu qua fia mia,
Che te farave un don de la mitae,
Si pescho à togna qualche bel baicholo,
Me par veder, quando'l mena la coa,
40Co ti è vestia da festa la Domenega,
E tal volta che von a saltarelo,
Che i tregani me urta infra le gambe;
Crio a digando, fosse qua Francescha,
Che me fa sospirar per so diletto,
45Che l'haverave almanco sto bel spasso;
Cosi co semo in vale, e a ostregar;
Sempre me ston pensando del to viso,
E a le to maniere sì uliose,
E puo le vagho tutte ponderando;
50E quanti pessi, che vedo co i occhi,
C'habia del bon, e digo infra de mi,
Careti chi somegia la mia donna,
Co i pio, co i cuoso e co i vogio manzar,
Te chiamo, e d'essi te fon un presente;
55De sorte, che da tutte quante le hore
Ti me se drento el cuor e infra le viscere;
Amame mo anche ti si Dio te aida,
E sil te par, chel sia zusto, e honesto;
Azo chel mondo no te chiama ingrata.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/40&oldid=55917"