Pagina:Rime pescatorie.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Duro cuor, e salvadega, ria vogia,
     In dolce, cara, bella, alta fegura,
     S'il pesoco dolor, e passion dura,
     Besognerà in zipon, che me despoia.
Che quando muor qualch'un' caze una fogia,
     Hora è di chiaro, hora fa notte scura,
     Pianzo d'haver perduto la mia ventura,
     Con Amor, e Madonna, che me sogia.
De speranza mi zibo tristolando,
     E von in mar, e si ho rotta la pruova,
     Onde chiamo secorso, e nigun alde.
No ne turco crudel, che lagremando
     Butao in zenocchion, che no se muova,
     Ma lie si ride, e del mio mal si galde.


Cho vedo la mia Donna dal dolcezza,
     E tremo, e suo, e pianzo, e me l'arido,
     Fagandoghe cho i occhi de revido
     Saltando, e schitotando d'allegrezza.
Cho fon lontan vegno in tanta tristezza,
     Cho fese per Enea Madonna Dido,
     Pien de suspiri de nigun m'infido,
     Tanto son spento, e ponto da gramezza.
Quando vegnimo può su i parlamenti,
     E che tornemo alle nostre zanzete,
     E'l par c'habbia confeto sotto i denti.
La me fa un puoco arsar su le molete
     Avanti che se vegna su i franzenti,
     Cusì intravien a chi non na scarpete.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/25&oldid=55834"