Pagina:Rime pescatorie.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E ho pianzesto, adesso canto, e ballo,
     E d'allegrezza e spuo, che fazzo un fiume,
     Daspuo che Giove m'ha dao del so lume;
     Cavandome de si cattivo fallo,
M'haveva fatto adosso el vicio un callo,
     Fuora del mio antigo, e bon costume;
     Tal che per strada, o in le ociose piume,
     El senso la rason feva intervalo.
Me trovo piu lizier, cha pena, o pagia;
     Tanto son descargao de una gran soma,
     Che me tigniva tutto impaltanao.
Quei che vedeva, me deva la bagia,
     Co si fosse un balon senza fiao;
     Pur son tornao, co i dise in rima a Roma.


Un zorno me voi meter la zornea,
     E rasonar tutte le mìe rason,
     E zapar in tel viso co un zapon,
     A chi è senza creanza fango, e chrea.
Medusa è questa, anzi crudel Medea,
     Che me tratta da un mello, e da un melon,
     E me da un poro in man, per un piron,
     Perche ne la mia Idea la tegna Dea,
E si la fronto, ghe voi dir sul fronte
     Ingrata sta pur drento le to grote,
     Che no vogio to fiabe, che me fiuba.
E certo in la mia mente ho fatto un monte;
     E atorno 'l cuor una cheba concuba,
     Si ch'al mio pesce, le to rete è rote.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/23&oldid=55335"