Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/97

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DEL PADRE BETTINELLI CONTRO L'AUTOR.


SONETTO


Per aver scritto mi certe Poesìe,
    Ch'Omeni, e Donne l'hà scandalezà,
    E ch'hà fatto, che 'l Culo m'hò scottà,
    4E paga 'l fìo de tante porcarìe,

A scriver in favor son obbligà
    De Santa Fede, e delle Fraterìe,
    Zà, ch'una è andada, l'altre xe spedìe
    8Per quel, che se descorre anca de quà.

Le gran cose se conta quà in sto liogo,
    Tutti crìa, tutti pianze, tutti ciga,
    11Perchè l'acqua hà seccà, che stua sto fuogo.

Pare, Mare, Fradel, Zerman, Amiga,
    Qual el fin sarà un zorno de sto ziogo,
    14Vuol da parte de Dìo, che mi ve diga.
                        Che bella rima in iga
    Mi gaverìa fra' tante, ch'hò fatt'uso,
        17Ma no la posso dir, perchè me bruso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/97&oldid=60996"