Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/95

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


GUSTI AVUTI DALL'AUTORE.


SONETTO


Hò toccà tanti Culi, e tante Mone
    De Muneghe, de putte, e de ragazzi,
    Hò fatto, posso dir, dei gran strapazzi
    4Co Donne maridae, e buzarone;

Da drìo, davanti in quelle so Cossone
    Hò sborà tanto, e fatti tanti sguazzi,
    Che ghe ziogo, per Dìo, che diese Cazzi
    8No hà chiavà, come 'l mio, tante persone

Al mio gusto gà piasso dei busoni,
    Mone grande, voi dir, perchè là drento
    11Se ficcava col Cazzo anca i cogioni.

La xe 'na baronada, un gran tormento,
    Quando l'Osello chiava, a piccoloni,
    Ch'i testicoli staga in quel momento.
                        15Mi cussì no la sento,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/95&oldid=60995"