Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/94

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VIDETE, SI EST DOLOR SIMILIS, SICUT DOLOR MEUS.


SONETTO


Amici tutti, che passè per strada,
    Osservè attenti per amor de Dìo,
    Se ghè dolor, che sia simile al mio
    4Per no poder più dar una chiavada.

La lengua a mi me par aver salada,
    E che 'l Mondo de buzare sia un nìo,
    Co no ghe più quel gusto benedìo
    8No ghe penso de mi 'na buzarada.

Ma, caro Cazzo, in cos'hoggio peccà?
    Cosa t'hoi fatto mai? Respondi a mì,
    11Che no ti vuol tirar più gnanca un fià?

Dopo, ch'hò fatto tanto mì per tì,
    E che tante gran voggie t'hò cavà,
    14Buzaron, ti me tratti ancuò cussì?