Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/92

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RICCORSO ALLA DEA VENERE.


SONETTO


Graziossima Dea Venere bela,
    Dei Omeni, e dei Dei vera dolcezza,
    Del mio cuor vù sè l'unica allegrezza
    4Siben, che sè depenta su 'na tela.

Oh del gran Ciel la più brillante Stela!
    Per quell'amor, per quella tenerezza,
    Ch'avè portà d'Adon alla bellezza,
    8Fè sì, che se me leva la Capela.

Altro, che quella gran trasformazion
    D'aver in un anemolo novello
    11Cangià dopo la morte el bell'Adon!

Miracolo sarave assae più bello,
    E per vù gaverìa più devozion,
    14Se me fessi tornar duro l'Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/92&oldid=60992"