Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/75

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NO SPAVENTA LA MORTE, MA RINCRESCE LA MONA.


SONETTO


Amici, moro presto, ma sappiè,
    Ch'a mi la morte no me fà paura,
    Che no ghe penso andar in sepoltura,
    4Ch'anzi in quel liogo no me seccarè;

Che mi no me confessa no credè,
    Che farò quel, che dise la Scrittura;
    Siben, ch'ancora in quella congiuntura
    8Dirò, che tutte buzare le xè.

Quel, che vorrà sti Preti, a tutto quanto
    Mi me rassegnerò, come 'na Dona,
    11E dal dolor mi pianzerò ogni tanto;

Ma sentì, quei cogioni se cogiona.
    Saveu da che deriverà 'l mio pianto?
    14Da no poder mai più toccar la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/75&oldid=60979"