Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/7

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che, se questa un bel solazzo
    Ne prepara in la Felippa,
    Chi sarà quel visdecazzo,
    32Che no voggia andar in trippa?

Ghè chi crede, che consista
    L'onestà nel non chiavar,
    Che sìa un empio, un ateista
    36Quel, ch'i vede a no zunar.

La superbia, e l'interesse,
    E la poca carità
    In tel cuor, ch'i ghe vedesse,
    40Tutte buzare i le fà.

Strapazzar quel poverazzo,
    No commoverse ai so pianti,
    Co no tira in braghe 'l Cazzo
    44I se crede d'esser santi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/7&oldid=64893"