Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/6

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che li possa lezer tutti,
    E le Muneghe, e anca i Frati,
    Anca quei, ch'i so Istituti
    16Li fà tanto riservati;

Siben son d'un'opinion,
    Che le gran cogionarìe
    Fazza assae manco impression
    20Despoggiade, che vestìe;

Come a tanti ben vestìa
    Più la Donna ghe fà voggia:
    Se voi dir l'opinion mìa,
    24La me piase più despoggia.

La moral, che mi sostento,
    Che la credo più sicura,
    Xe de far ogni momento
    28Quel, che cerca la natura;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/6&oldid=64892"