Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NO S'HA DA CREDER SENZA UN'EVIDENZA.


SONETTO


L'Omo no gà da creder, se nò quando
    Da un'intiera evidenza 'l xe costretto,
    Questo xe'l mio principio, ch'in secretto
    4Vago colla mia mente ruminando.

Mi no trovo in un Mondo cussì grando,
    Se nò motto, e materia, e 'l mio intelletto
    Fuora no puol andar mai de sto stretto
    8Per quanto, che lù và filosofando.

D'una materia immensa, e sempiterna
    Nel sen fecondo se produse'l tutto
    11Co una revoluzion de forma eterna;

Che quel, che giera fior, albero, e frutto,
    Deventa sasso, e legno, ch'un'interna
    Forza dà vita a quel, che xe destrutto.
                        15Mi digo sutto, sutto,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/31&oldid=60951"