Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/292

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Domandeghe, se'l gà gnente de bello
    In materia del Cul, e dell'Osello;
                        18Se 'l gà un pensier novello

Per farse ben voler dal Dìo d'Amor,
    Co hò fatto mi col Bando dell'Onor.
                        21Co vien qualche Dottor

De quei, ch'hà buo in Padoa 'l so Patafio,
    Fate dar la risposta al mio Epitafio,
                        24E, co un batticannafio

Ti vedi a capitar là tra' quei cani,
    Domandeghe 'l Sonetto dei ruffiani;
                        27E quando in quei malani

Capita quelli della Capellina
    Fate dar quello della Clementina;
                        30Co vien qualche sgualdrina;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/292&oldid=64857"