Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/276

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


            All'eterna felicità.

45O instrutta zoventù per el bordello
    Tegnì pur tutti in Mona 'l vostro Osello.
    La Patria, che costrutto ghe ne cava
    Da quello, che no chiava?
    Ben la serve zorno, e notte
    50Certamente quel, che fotte.

Osservè là in Tebe Frine,
    Ch'hà innalzà dalla rovine
    Dei Tebani la Cittae
    Tutta a forza de chiavae;
    55All'incontro ai so Romani
    Quanti guai, quanti malani
    No hà causà quella cogiona
    Per no far la buzarona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/276&oldid=64847"