Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/274

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    Mostreme tutte quel, che gavè.
    15Corrè quà tutti bei bardassetti
    Con quei bei Culi, con quei Cazzetti;
    Mi vago in estasi in sto bordelo,
    Certo sti oggeti no ghe xe in Cielo.

Oh! Che Culatte dure, e tondette,
    20Che belle Potte, che belle tette,
    Oh! Culi bianchi, Culi noveli,
    Che no gà pettole, che no gà peli,
    Oh! Sante imagini, che tanto adoro,
    Fermeve tutte, finchè mi sboro.

25Sìa a Priapo un Tempio erretto,
    E in quel liogo benedetto
    Se contempli, e che s'adori
    Quel, che piase ai Fottidori,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/274&oldid=64845"