Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/272

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


REFFLESSION SORA LA PRETESA ONNIPOTENZA.


SONETTO


No intendo cosa sìa sta onnipotenza
    Ogni qualvolta lezo la scritura,
    Un Dìo, che forma l'Omo, e pò, pacienza,
    4Nol gà da sopportar la so Natura!

Se lù saveva colla so prescienza,
    Che quell'Omo de certo poco dura
    In quel so primo stato d'innocenza,
    8Perchè metterse a far quella figura?

Che gabbia da patir i discendenti
    Per la cogionerìa, che hà fatto quelo;
    11Oh! Quà xe dove fazzo i me lamenti.

Ch'i Ebrei pò s'abbia da zimar l'Oselo,
    Quando i se vuol salvar, digo frà i denti,
    14Cos'hà da far el Cazzo con el Cielo?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/272&oldid=60934"