Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/271

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL PARADISO NO VAL SENZA LA MONA.


SONETTO


I gran poeti dell'antichità,
    Che giera de quei tempi i teologoni,
    I gà ficca in la testa a quei cogioni,
    4Che se passava 'l fiume a andar de là;

Che 'l gaveva stà bella qualità
    De far, ch'i fottidori, e i buzaroni
    Se scordasse de tutt'i petoloni,
    8Ch'i hà fatto in tempo, ch'i xe stai de quà.

Mi penso, che quei Savj abbia deciso,
    Che s'avesse chi muor tutto a scordar
    11Avanti d'arrivar nel Campo Eliso,

Perchè i vedeva, che no se puol dar
    De viver quieti gnanca in Paradiso,
    14Vegnindo in mente 'l gusto del sborar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/271&oldid=60933"