Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ZOVENTÙ.


SONETTO


Sù i trenta, che 'l se trova 'na morosa,
    Che sia de bona grazia, e disinvolta,
    Che la se lassa fotter qualche volta,
    4Nè a farse buzarar la sìa retrosa;

Che 'l pensa a far de grando qualche cosa,
    Ma prima, dove 'l pende, che l'ascolta,
    E pò da quella banda, che 'l se volta,
    8Che l'azion, che 'l farà, sarà gloriosa.

Ogni tanto che 'l fazza 'l so viazetto,
    Che 'l pratica i più bravi Dottoroni,
    11Che 'l vaga qualche volta in t'un Culetto,

Che 'l leza pochi libri, ma dei boni,
    Ch'insegna ad esser Omeni de petto,
    14Per schivar tanti gran seccacogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/27&oldid=60932"