Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/247

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL BONFADIO DESCRIVE L'ALTRO MONDO AL DORIA.


SONETTO


Come, che v'hò promesso, o Doria mìo,
    De vegnirve a trovar dall'altra vita,
    Ve digo, che no ghè 'na fatta, e dita,
    4De quel, che dise i Preti, nò per Dìo;

Che come i lo descrive no xe Dìo,
    Che lù no tien l'Anema nostra afflita,
    Siben, che co la muor tutta contrita,
    8No ghè bisogno d'esser santo, e pìo.

Nell'altro Mondo semo tutti eguali,
    E no ghe xe sto liogo da purgar,
    11Nè quello, dove mai fenisse i mali;

Che Dìo no s'hà curà mai de pensar
    Alle cose dei miseri mortali,
    E alle cause seconde 'l lassa far.
                        15Fè conto, che 'l sia un Mar,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/247&oldid=60921"