Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/238

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VERA SEDE DE DIO.


SONETTO


Dove, che staga Dìo, a contemplando
    Mi vago a parte a parte 'l Mondo tutto,
    Vardo, se'l sia in tel fior, se'l sia in tel frutto,
    4O sora 'l Mar el vaga spassizando,

Se frà i spazzj dell'Aria 'l và vagando,
    Se'l sia in te l'Omo, oppur el sia nel Brutto,
    S'in tel umido 'l sia, se 'l sia nel sutto,
    8A tutto quel, che vedo, ghe domando.

Domando al Sol, ch'illumina la zente,
    Ghe domando alla Luna inarzentada,
    11E a tante Stelle, ma gnessun sà gnente;

Ma mi credo d'averla indovinada:
    No xe felice Dìo perfettamente?
    14Co l'è cussì, lù stà in te la sborada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/238&oldid=60911"