Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/236

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SCHERZO SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


De quattro lioghi, che de là n'aspeta;
    Come che son a tutto indiferente,
    E che me piase assae de no far gnente,
    4Al Limbo mi farìa la mia Caseta.

Me par, che la sia questa la più dreta,
    Quando, che s'hà da star eternamente,
    De star dove, nè ben, nè mal se sente,
    8Cussì se fà 'na vita sempre quieta.

In Purgatorio un dì pò se và vìa,
    E se và in Paradiso a far festini,
    11Ma anca ste feste le me stuffarìa;

All'Inferno i ve strazza da sassini,
    Ma al Limbo un gran bel gusto provarìa
    14Andar nasando 'l Cul a quei bambini.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/236&oldid=60909"