Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/22

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DANNI PER CHI CREDE L'IMMORTALITÀ DELL'ANEMA.


SONETTO


Mi credo, che sia stà la teologìa,
    Che a forza de supposti, e d'argomenti,
    Abbia sedotto i poveri viventi
    4A creder, ch'immortal l'anema sìa.

L'hà fatto però un ben sta buza-vìa,
    Perchè i Cogioni vive più contenti,
    E i sopporta con pase affanni, e stenti
    8Con dir, ch'allegri in Ciel un dì i starìa.

La xe una gran passion per quel gramazzi,
    Ch'i sà, che l'è un'astuzia bella, e bona,
    11Aver da taser, come i visdecazzi.

Ma la rabbia la xe, perchè alla Dona,
    Come i gà messo in testa sti spaurazzi,
    14S'hà da strusciar a metterghelo in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/22&oldid=60892"