Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SCHERZO SORA LO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


L'anema è un puro spirito, e mi'l credo,
    Ma no capisso, come da puttelo
    Gnente la sappia, e come che bel belo
    4Ella cressa col corpo a quel, che vedo.

L'anema no gà tatto, e mi'l concedo,
    Ma come urtela i nervi del cervelo
    Come me fala insin rizzar el pelo,
    8Quando qualche desgrazia mi prevedo?

Ella xe indivisibile in effetto,
    Ma quando sboro, come in quel solazzo
    11Me par, che me ne vaga vìa un tocchetto?

Chi vuol pò la sìa in t'un deo, in t'un brazzo,
    Chi in tel sangue, in la testa, e chi in tel petto;
    14Oh quà mi digo, che la stà in tel Cazzo.
                        Una ricerca fazzo;
Quando, che'l Cazzo tira, ma da bon,
    17Diseme; dove andà xe la rason?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/21&oldid=60882"