Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/219

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


COME È STÀ FORMÀ LA POTTA.


SONETTO


Niove Mistri s'hà messo a far la Potta,
    El primo xe stà 'l Mistro Falegname,
    Che, co un manarin dandoghe 'na botta,
    4Gà fatto un profondissimo forame.

Xe vegnù 'l Lovo, e 'l gà lassà la fame,
    Per questo della carne la xe giotta,
    L'Orso gà messo tutto 'l so pelame,
    8Per questo se ghe dise la Marmotta.

Gà dà le zatte 'l Granzo, el Can i denti,
    L'odor el Baccalà, e la Rengheta,
    11E 'l Cospetton el sal per tutt'i venti.

La Lumaga più assae d'una celleta
    Gà fatto, e la gà messo i fornimenti,
    14E questo è quello, che sempre la peta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/219&oldid=60891"