Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/215

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


In fin o Frati, razze buzarone,
    Che sotto 'l manto della castità
    Le Donne tacconè della Città
    4Co regali de santi, e de corone,

Pacienza! Ma insidiar certe persone
    Con frittole mandae per carità,
    Queste xe cose, che no taserà
    8Gnanca, per Dìo, le vostre sfondradone.

Sò, che con reliquarj, e bagattelle,
    Cerchè i ragazzi de tirar a scuola
    11Per furegarghe in te le tavernelle;

Ma che adesso mettè frittole in tola
    Per romper le pignate alle Puttelle,
    14Questo è un chiappar la Mona per la gola.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/215&oldid=60888"