Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/208

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Poltroni, scandalosi, e sodomiti,
    Fottidori, spioni, superbi, e ladri
    Tutti, quanti che sè, Conversi, e Padri;
    16Fuogo ghe vuol ai vostri gran deliti.

Mo, per Dìo! xe possibile, che Cristo
    No veda le gran buzare, che fè?
    Scandalizà mi resto, sì alla fè,
    20In veder, che co un operar sì tristo

Tanto felice vù passè sta vita;
    Ma no ve dubitè, no fallo a creder,
    Ch'un qualche dì me toccarà de veder
    24Castigada sta razza fatta, e dita.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/208&oldid=64827"