Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/203

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



225E me dirè,
    Che fazzo mal, che tasa?
    Imparerè
    Lassarli andar per Casa.
    Le femene, le scroe,
    230Le sarà tutte soe,
    Quando i le nasa.

Mai finirò
    De dir de sti Fratazzi,
    E scriverò
    235Infin, ch'averò brazzi,
    Acciò siè cognossui
    Frati becchifottui
    Buzaradazzi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/203&oldid=64825"