Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/202

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Hò pò savù,
    Che quella bella ciera,
    Che hà tiolto sù
    Quel Cazzo volontiera,
    215L'è na Putta, che stà
    Del Frate da un Cugnà
    Per cameriera.

Mi v'hò contà
    Tutto quel, ch'hò visto,
    220Quel, che hà operà
    Quel Frate infame, e tristo.
    Mò quando seu nassui
    Frati becchifottui,
    Ladri de Cristo!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/202&oldid=64824"