Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/197

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



A sto parlar,
    Lo vardo in tel mustazzo,
    Per osservar
    Più picolo me fazzo,
    145E ve dirò de più,
    Che mi l'hò cognossù
    Per un Fratazzo.

Quando 'l furbon
    Sente, che la xe sorda,
    150El mudè ton,
    E tocchè un'altra corda;
    Smorzeme, cara Fìa,
    Con qualche cortesìa
    Sta fiamma ingorda.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/197&oldid=64818"