Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/193

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



85Stè fermo, oibò!
    Mo, vìa, vardè, che peste.
    No taserò,
    Co me farè de queste;
    E da sta volta in là
    90Co mi certo sarà
    Finìo le Feste.

In verità,
    Che questa è molto brutta,
    Son vegnua quà
    95Senza saverla tutta.
    Voi, che sìa conservà
    La mia verzenità,
    Perchè son Putta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/193&oldid=64814"