Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/121

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    E hà parlà fuora dei denti
    A ste Dame prepotenti;
    195Per vù altre Zentildone
    Xe falìe le nostre Mone,
    Zà debotto per le Dame
    Nù morimo dalla fame,
    E per farne sempre torto
    200Volè ancora el Cazzo morto?

Gà resposto là in quel ponto
    Una Dama de gran conto;
    Per vù altre Donne ignobili
    No xe fatti i Cazzi nobili,
    205Tiolè quei dei Artesani,
    E dei Frati Francescani,
    Tiolè quei dei cava-fango,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/121&oldid=64784"