Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/118

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    E ghe piase solo el vin;
    Donne, e ziogo, e gnente più;
    150E l'è un bel Beccofottù,
    Che più volte al Leon rosso
    Se la fotte a più no posso.

Dopo, che le l'hà incensà,
    E le l'ha tutte adorà;
    155Una alfin l'hà tiolto in man,
    E chi in basso, e ch'in sopran,
    Le gà dito tutte a coro
    Sto bel cantico sonoro.
        Quante, che semo,
        160Nù ve adoremo
        Cazzo forte, ed immortal;
        Solennissimo Cotal;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/118&oldid=64780"