Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


TEME DE NO FOTTER LA SO MOROSA.


SONETTO


Frà tante, che cognosso, una me resta
    De genio da goder, ma gò paura,
    Che, come se suol dir, la coa xe dura,
    4De no poder far gnente mai con questa.

Altro pensier no gò mai per la Testa,
    Che quello de toccarghe la Natura,
    Che se mi arrivo a far pò sta bravura,
    8Voggio crescer all'anno un'altra festa.

Voggio far sul so culo un sacrifizio,
    E voi tegnir con tutta devozion,
    11E, come una reliquia, del so pelo:

Ma pur, se me cavasse sto caprizio,
    Gavarìa cussì gran consolazion,
    14Come, se con i dei toccasse el Cielo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/50&oldid=60799"