Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE SÀ BEN VIVER SENZA PREDICHE.


SONETTO


Senza, che mi me porta alla lezion
    De quel gran dotto Padre Ganassoni,
    E che a seccar me vada là i cogioni,
    4Sò quel, che s'hà da far per esser bon.

Esser onesto in tutte le occasion,
    Non offender con arme, o con bastoni,
    I Omeni, per quanto i sia baroni,
    8E dar a tutti 'l soo, co i gà rason.

Mi tutte ste tre cose sò de far,
    A chi se sia mi no ghe dago impazzo,
    11Nè 'l prossimo me piase cogionar.

Con onestà me tiogo ogni solazzo,
    E, perchè a tutti el soo se gà da dar,
    14Mi per questo alla Donna dago el Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/29&oldid=60775"