Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


FALSE, E VERE PENE DELL'INFERNO.


SONETTO


Quando sento sti gran Predicatori
    A predicar le pene dell'Inferno,
    Che ghe sarà in quel liogo un fuogo eterno,
    4E dei continnui spasemi, e dolori;

Che de quei tetri, e spaventosi orrori,
    Orrendi mostri gaverà 'l governo,
    Che con rabbia, e con odio sempiterno
    8Dei dannai strazzerà a bocconi i cuori;

Me par, ch'i farave assae più frutto,
    S'in vece de cazzarne un gran spavento
    11Col figurar quel liogo cussì brutto,

I predicasse sol el gran tormento
    De veder delle Mone da per tutto,
    14Senza, che mai gnessun possa andar drento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/28&oldid=60770"