Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/286

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



De sta seda alla gran moda
    Vegna fatto dei merletti,
    E in sta forma me la goda
    48Destirà sù do bei petti.

In t'un tagio de braghesse
    Penso andar de seda flossa,
    Ch'una pò se le mettesse
    52Per tegnir calda la cossa.

Una Ventola chi sà,
    Che no vada deventando,
    E una Dama per Città
    56La me vaga vìa menando.

Con la parte spiritosa
    Anderò in t'un cagnoletto,
    E 'na Donna morbinosa,
    60Che me tegna spesso in letto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/286&oldid=64706"